Raffaele Terlizzi - Club Lancia Gamma Italia
53025
page-template-default,page,page-id-53025,page-child,parent-pageid-53039,cabin-core-1.0.1,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,big_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.1,vc_responsive
 

Raffaele Terlizzi

Raffaele Terlizzi

Dunque Raffaele, il suo percorso professionale si è svolto sotto l’egida di Fiat Auto: prima come collaudatore, successivamente, dal 2007, tra i responsabili del Centro Storico FIAT ed infine Responsabile anche della Collezione Lancia. Tutto ciò fino al 2017, anno della meritata pensione.

 

R.Terlizzi su Stratos della Collezione Lancia test di “mantenimento in funzione”

 

 

 

 

 

 

R.Terlizzi su Lancia D50 – GP Valentino 2015

 

Tempo fa ci hai accennato di un tuo utilizzo della Gamma berlina. Prima di parlarci della “Gamma Elaborazione 3V”, oggi all’interno della Collezione FCA Heritage (provenendo da quella Lancia), ci diresti che impressioni ti fece la Gamma di serie ?

 

Certamente, come introduzione all’argomento “Lancia Gamma Elaborazione 3V” condivido con piacere quelle impressioni. Si trattava di una Gamma Berlina 2.500 carburatori, quindi 1a serie, di proprietà di un mio parente. Era l’estate del 1982, ben 40 anni fa.

Il viaggio fu di circa 500 km, iniziò a Torino per concludersi a Rimini. Nel tratto di andata ebbi modo di apprezzare il confort e la souplesse di marcia, mentre in quello di ritorno viaggiai a velocità sostenuta fino all’uscita di Villanova d’Asti, per poi proseguire percorrendo le strade delle colline del Monferrato, dove apprezzai le notevoli capacità nell’assorbire le sollecitazioni e l’efficienza della frenata.

Nel complesso un’auto all’occorrenza veloce, grande stradista, comoda. Penso in tutta sincerità che sia nata in un periodo non fortunato, certamente di austerity ed appena successivo a quello della Fiat 130. Ambedue grandi auto, uscite in un periodo difficile.

 

 

Le tue impressioni ricalcano perfettamente gli esiti delle prove su strada della rivista Quattroruote, che sottolineavano l’ottima tenuta di strada, il confort elevato, l’eccellente frenatura ed una notevole capacità di mantenimento degli alti regimi,  quindi di alte velocità di crociera. Ora passiamo alla “Gamma Elaborazione 3V”, come recita la targhetta sul retro, presente nella Collezione Lancia, oggi parte di Fca Heritage, che tu hai curato nel periodo di responsabilità gestionale.

Dunque, la vettura era targata e si presentava bene, con quei cerchi in lega Cromodora a 5 bulloni che personalmente trovo stupendi, utilizzati, per la robustezza, anche nelle versioni blindate. Purtroppo non era in condizioni di funzionamento.

Il contachilometri segnava una percorrenza di circa 55 mila chilometri, era completa a livello di accessori e dotata di impianto di condizionamento, interno in ordine, colore da auto di rappresentanza e antenna che poteva essere stata usata in abbinamento a uno dei primissimi telefoni portatili o più probabilmente ad una ricetrasmittente.

Una conoscenza mi confidò che la vettura era stata usata dal vertice dell’allora potente Ufficio Stampa Lancia posizionato al 14° piano del grattacielo, per poi concludere la sua vita all’interno della Collezione Lancia di Via Caraglio.

 

3/4 retro Lancia Gamma Elaborazione 3V – credit foto Ruoteclassiche

Quindi perché non provare a renderla marciante? Fu così che, tra una richiesta e l’altra, con i miei collaboratori provammo a mettere in funzione la vettura che, tra le varie sostituzioni (pompa dell’acqua e della benzina,  i filtri ed un controllo generale), andò in moto per venire poi da me utilizzata in diverse occasioni nel percorso tra la Collezione Lancia a Beinasco (ormai trasferita da Via Caraglio) ed il mio ufficio di Corso G. Agnelli.

 Quando il collega dell’ufficio stampa dell’allora neonato dipartimento Fca Heritage informò le note riviste del settore che la vettura, unico esemplare e mai più vista se non all’interno della Collezione, era disponibile e marciante, la rivista Ruoteclassiche ci riservò e le riservò un bell’articolo dettagliato, mai visto prima! 

Personalmente a livello estetico preferisco la versione di serie della Gamma, in particolare la coupé, entrambe interessanti, in perfetto stile Lancia e piacevoli da guidare, anche se nate con qualche inconveniente tecnico e purtroppo incomprese anche per il contesto non favorevole. Per giunta con la nuova Lancia in arrivo – la Thema – che le soffiava sul collo!

3/4 fronte Lancia Gamma Elaborazione 3V – credit foto Ruoteclassiche

Un saluto ai cari amici ed appassionati del Club Lancia Gamma Italia.

 

Raffaele Terlizzi 

(ex Responsabile Collezione Lancia)

 

 

 

 

 

 

 

 

Intervista a cura di Gianluca Ruiu – Club Lancia Gamma Italia